Ipertermia in Oncologia: interrogazione del Senatore Maurizio Romani (Gruppo Italia dei Valori)

Nell’atto si pone in evidenza come l’ipertermia esplichi la sua azione antitumorale direttamente mediante un’azione citolesiva causata dalla termolabilità della cellula tumorale rispetto alla cellula sana, ed indirettamente, sia favorendo una maggiore penetrabilità dei chemioterapici all’interno della cellula neoplastica per azione sul trasporto transmembrana in presenza di una ipertemia locale, sia provocando un’infiammazione asettica locale con conseguente immunostimolazione ed immunomodulazione. Si illustra poi il problema derivante dalla sospensione del Servizio di ipertermia presso l’Università di Tor Vergata; non consentendo ai pazienti l’accesso alla cura presso il servizio pubblico si deduce che gli stessi dovranno rivolgersi a costose strutture private. In conclusione si chiede di sapere se il Ministero intenda attivarsi per consentire il ripristino del servizio.

Per leggere l’atto:
http://aic.camera.it/aic/scheda.html?core=aic&numero=3/03980&ramo=S&leg=17

CONDIVIDI SU