Garantire l’accesso equo ai test BRCA1 e BRCA2: risoluzione dell’Onorevole Donata Lenzi (Partito Democratico)

L’atto è rivolto ad impegnare il Governo ad assumere iniziative per garantire a tutte le pazienti, indipendentemente dalla Regione di appartenenza, preventivamente acquisiti i pareri tecnici del Consiglio superiore di sanità e dell’Istituto Superiore di Sanità, un accesso omogeneo ed equo al test BRCA e alle cure per le donne affette da carcinoma ovarico e/o mammario, e ai percorsi di prevenzione sia per queste donne sia per le donne sane risultate BRCA-mutate. Inoltre l’atto impegna il Governo ad assumere iniziative per assicurare l’introduzione del test BRCA nei Livelli Essenziali d’Assistenza nonché una loro corretta gestione nelle strutture del Servizio Sanitario Nazionale, affinché anche in Italia si possa avviare un Programma nazionale di Genetica Oncologica per le forme di predisposizione ai tumori dell’ovaio e della mammella, che coordini ed integri i Piani regionali previsti dal Piano Nazionale della Prevenzione 2014-2018.

Per leggere il testo integrale:
http://aic.camera.it/aic/scheda.html?numero=7/01360&ramo=CAMERA&leg=17

CONDIVIDI SU